Per me che li ho provati entrambi devo dire che è stato difficile trovare differenze prestazionali e qualitative su due pantaloncini dal livello così alto come sono gli S7 e gli S9. 

Su tutti e due, la caratteristica di sicuro in comune è l’estrema vestibilità percepita sulle cosce, la sensazione di comfort che ti assicura il tessuto sulla pelle oltre alla sofficità e alla traspirabilità di quest’ultimo, garantita anche in situazioni di sudorazione abbondante, ad esempio in estate, quando con i pantaloni di livello inferiore l’impressione è di avere qualcosa di appiccicoso sulla pelle.

Molto simile sia sugli S7 che sugli S9 è inoltre l’estremo confort del fondello, che con la sua struttura cucita solo parzialmente sul tessuto sottostante, rimane sempre in adesione con la pelle, anche quando ti alzi in piedi sui pedali. L’adesione sulla pelle, appunto: a mio avviso questo è il principale valore aggiunto dell’S9 rispetto al già ottimo S7, nel senso che la nuova tecnologia rollBar impiegata sul retro ti permette di avere sempre la stessa confortevole vestibilità anche sulla parte dorsale, con le bretelle che, a prescindere da quale movimento stai facendo in quel momento, ti segue sempre fedelmente.    

a cura di Maurizio Coccia – Copyright
© INBICI MAGAZINE

L’articolo FOCUS SUL PRODOTTO. ASSOS S7 E S9, TESTATI PER VOI proviene da Rivista per ciclisti, InBici Magazine, Passione sui Pedali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *