Per quanto desiderabile sia, per i cicloviaggiatori, abbinare il treno alla bicicletta, l’intermodalità resta, in tutta Europa un percorso a ostacoli. Una recente indagine dell’Università dell’Insubria svolta in collaborazione con FIAB, Federazione Ambiente e Bicicletta su un campione di 940 cicloturisti italiani, rivela che il 32% usa il treno in abbinamento alla bicicletta. La European Cyclists’ Federation (ECF)  testimonia, con una ricerca dello scorso giugno, che l’intermodalità è un’opzione difficilmente praticabile in Europa. La mappa disegnata dalla ECF sulle possibilità di trasporto in bicicletta sui collegamenti ferroviari veloci mostra quanto sia impossibile trasportare biciclette a bordo del 53% dei collegamenti ferroviari ad alta velocità tra le capitali e le grandi città d’Europa. Sul 33% di questi treni, il trasporto di biciclette è vietato in modo assoluto. In media, i ciclisti impiegano 2 ore e 45 minuti in più rispetto ai viaggiatori senza bici, costretti a prendere treni meno veloci per poter caricare le due ruote. Con molte disparità tra un paese e l’altro.

Milano Roma con bici al seguito: 8,33 ore invece di 2,55

Se i servizi sono buoni in paesi come Austria, Germania e in generale nell’Europa Centrale, la Scandinavia e l’area Mediterranea (Francia, Italia, Spagna) presentano molta criticità. Da Copenaghen a Stoccolma è impossibile portare  a bordo una bicicletta non smontata. Da Parigi a Lussemburgo, una tratta che si copre normalmente in 2,14 h, ci voglio 3 cambi e 11,48 h di tragitto per viaggiare con una bicicletta al seguito. Quello della tratta Parigi Lussemburgo è il peggiore dei casi individuati dalla European Cyclists’ Federation. L’Italia però non è da meno. Il collegamento in alta velocità Milano Roma di 2,55 h diventa di 8,33 h, con 2 cambi, per i ciclo viaggiatori con bici al seguito. In Spagna, il tragitto ad alta velocità di 2,25 h Barcellona a Valencia diventa di 5,55, con un cambio, per chi non vuole smontare la bici e riporla nella sacca da viaggio. Un vero disastro.

8 posti bicicletta su ogni treno

Ciò nonostante, come scrivo anche nell’articolo Bicicletta sul treno, una lunga storia di disamore, il Parlamento Europeo prevede che ci siano 8 spazi bicicletta a treno. I negoziati tra le istituzioni europee per aggiornare il regolamento sui diritti dei passeggeri nel trasporto ferroviario dell’Unione Europea sono quasi terminati. È il momento di agire. La ECF chiede uno spazio dedicato per almeno 8 biciclette su ogni treno, da introdurre su tutti i nuovi treni o rinnovati, dando alle ferrovie di ogni Stato un anno di tempo per adeguarsi. Una misura fondamentale se si vuole ridurre del 90% le emissioni di CO2 entro il 2050.

A questo link troverete le informazioni necessarie per viaggiare in Francia con la bici al seguito.

 

 

 

L’articolo Il 53% dei treni ad alta velocità in Europa non consentono il trasporto di una bici montata proviene da ladra di biciclette.

Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *